La Chiesa del re. Istituzioni ecclesiastiche e regio patronato nella Sicilia di Filippo IV

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Il regio patronato sulla chiesa siciliana, concesso in via definitiva dal papa nel 1621, consentì anche al re Filippo IV di gestire con molta libertà le presentazioni dei vescovi e degli abati dell’isola. Parenti del re, funzionari e servitori della Monarchia, cardinali della curia romana, erano spesso preferiti ai candidati siciliani, con frequenti violazioni del privilegio cosiddetto dell’alternativa (alternanza tra stranieri e siciliani nella collazione dei benefici ecclesiastici). Le controversie in materia, negli anni ’30 del ’600, si spostarono anche all’interno del Consiglio d’Italia, animando un interessante dibattito e contrapponendo le posizioni dei reggenti siciliani e napoletani a quelle dei reggenti spagnoli, senza tuttavia raggiungere alcuna soluzione concreta che ponesse un limite agli abusi di Madrid. La Chiesa siciliana restava la "Chiesa del re".
Original languageItalian
Title of host publicationLa Corte de Felipe IV (1621-1665): reconfiguración de la Monarquía católica. Tomo IV: Los Reinos y la política internacional, vol. 3, 2018 (Cortes virreinales y Gobernaciones italianas)
Pages1657-1720
Number of pages64
Publication statusPublished - 2018

Cite this