Introduzione

Research output: Contribution to journalArticlepeer-review

Abstract

Le migrazioni contemporanee sono l’effetto del bisogno di protezione e di sopravvivenza di popolazioni che fuggono da contesti bellici o persecuzioni di carattere politico o religioso o ancora dalla piaga della povertà, che ne mette a rischio la sopravvivenza (Petrovic, 2018). Dal 2016 ad oggi sono più di 20 milioni i rifugiati che sono entrati in Europa ottenendo asilo politico in base alla ex Convenzione di Ginevra.L'introduzione della curatrice del n. 2/2020 di Welfare e Ergonomia – dal titolo Respingimenti e Politiche di accoglienza orientate bottom up al riconoscimento delle vittime della violenza migratoria – riflette su tematiche strettamente connesse ai processi di riconoscimento e disconoscimento delle vittime della violenza migratoria, le strategie di presa in carico e riparazione, gli obiettivi mancati, evidenziando sia alcuni degli elementi di criticità presenti sia le buone prassi intercettate nelle diverse fasi dell’accoglienza.
Original languageItalian
Pages (from-to)7-19
Number of pages13
JournalWELFARE E ERGONOMIA
Volume2
Publication statusPublished - 2020

Cite this