Integrazione di celle fotovoltaiche ibride nel vetromattone

Rossella Corrao (Inventor), Luisa Pastore (Inventor), Marco Morini (Inventor)

Research output: Patent

Abstract

[automatically translated] The invention relates to the integration of the glass block with hybrid solar cells (organic / inorganic), known as Dye-sensitized Solar Cell (DSC). The combination of glass slabs with DSC allows you to improve the performance of the original product, making it able to produce clean energy. The characteristics of transparency and thermal and acoustic insulation of the product can be adjusted by acting on the configuration of the DSC. The product may be assembled to form photovoltaic panels for the realization of translucent energetically "active" facades in various light conditions (or diffuse artificial light conditions) and irrespective of the angle of solar radiation. DSC can be printed in different colors and with various designs, allowing you to take action on the appearance of glass block and to realize, when installed in panels, facade designs thanks to the modularity of the product. The aforementioned photovoltaic panels constitute the envelope of the building, resulting in advantageous economies of materials and costs, not being necessary further technical support elements. The invention presents seven hypotheses of integration of the DSC with the glass block, for the realization of a product to be assembled "dry" into photovoltaic panels. In the latter, the wire harness and the stiffening bars are accommodated in the support structure, which may consist of plastic profiles arranged in horizontal and in vertical in the cavity generated by the combination and by the juxtaposition of the glass blocks. The aforementioned photovoltaic panels constitute the envelope of the building, resulting in advantageous economies of materials and costs, not being necessary further technical support elements. The invention presents seven hypotheses of integration of the DSC with the glass block, for the realization of a product to be assembled "dry" into photovoltaic panels. In the latter, the wire harness and the stiffening bars are accommodated in the support structure, which may consist of plastic profiles arranged in horizontal and in vertical in the cavity generated by the combination and by the juxtaposition of the glass blocks. The aforementioned photovoltaic panels constitute the envelope of the building, resulting in advantageous economies of materials and costs, not being necessary further technical support elements. The invention presents seven hypotheses of integration of the DSC with the glass block, for the realization of a product to be assembled "dry" into photovoltaic panels. In the latter, the wire harness and the stiffening bars are accommodated in the support structure, which may consist of plastic profiles arranged in horizontal and in vertical in the cavity generated by the combination and by the juxtaposition of the glass blocks. The invention presents seven hypotheses of integration of the DSC with the glass block, for the realization of a product to be assembled "dry" into photovoltaic panels. In the latter, the wire harness and the stiffening bars are accommodated in the support structure, which may consist of plastic profiles arranged in horizontal and in vertical in the cavity generated by the combination and by the juxtaposition of the glass blocks. The invention presents seven hypotheses of integration of the DSC with the glass block, for the realization of a product to be assembled "dry" into photovoltaic panels. In the latter, the wire harness and the stiffening bars are accommodated in the support structure, which may consist of plastic profiles arranged in horizontal and in vertical in the cavity generated by the combination and by the juxtaposition of the glass blocks.
Original languageItalian
Publication statusPublished - 2012

Cite this

@misc{eec828f472a84169a5b02495e92fa317,
title = "Integrazione di celle fotovoltaiche ibride nel vetromattone",
abstract = "L’invenzione riguarda l’integrazione del vetromattone con celle solari ibride (organiche/inorganiche), conosciute come Dye-sensitized Solar Cell (DSC). La combinazione del vetromattone con le DSC consente di migliorare le prestazioni del prodotto originario rendendolo in grado di produrre energia pulita. Le caratteristiche di trasparenza e isolamento termo-acustico del prodotto possono essere regolate agendo sulla configurazione delle DSC. Il prodotto pu{\`o} essere assemblato a formare pannelli fotovoltaici per la realizzazione di facciate traslucide energeticamente “attive” in varie condizioni luminose (condizioni di luce diffusa o artificiale) e indipendentemente dall’angolo di radiazione solare. Le DSC possono essere stampate in diversi colori e con vari disegni, consentendo di intervenire sull’aspetto del vetromattone e di realizzare, quando installato in pannelli, disegni di facciata grazie alla modularit{\`a} del prodotto. I suddetti pannelli fotovoltaici costituiscono l’involucro dell’edificio, comportando vantaggiose economie di materiali e costi, non essendo necessari ulteriori elementi tecnici di supporto. L’invenzione presenta sette ipotesi di integrazione delle DSC con il vetromattone, per la realizzazione di un prodotto da assemblare “a secco” in pannelli fotovoltaici. In questi ultimi il cablaggio dei fili e le barre di irrigidimento vengono alloggiati nella struttura di supporto, che pu{\`o} essere costituita da profili in materiale plastico disposti in orizzontale ed in verticale nelle cavit{\`a} generate dall’accostamento e dalla giustapposizione dei vetromattoni.",
author = "Rossella Corrao and Luisa Pastore and Marco Morini",
year = "2012",
language = "Italian",
type = "Patent",

}

TY - PAT

T1 - Integrazione di celle fotovoltaiche ibride nel vetromattone

AU - Corrao, Rossella

AU - Pastore, Luisa

AU - Morini, Marco

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - L’invenzione riguarda l’integrazione del vetromattone con celle solari ibride (organiche/inorganiche), conosciute come Dye-sensitized Solar Cell (DSC). La combinazione del vetromattone con le DSC consente di migliorare le prestazioni del prodotto originario rendendolo in grado di produrre energia pulita. Le caratteristiche di trasparenza e isolamento termo-acustico del prodotto possono essere regolate agendo sulla configurazione delle DSC. Il prodotto può essere assemblato a formare pannelli fotovoltaici per la realizzazione di facciate traslucide energeticamente “attive” in varie condizioni luminose (condizioni di luce diffusa o artificiale) e indipendentemente dall’angolo di radiazione solare. Le DSC possono essere stampate in diversi colori e con vari disegni, consentendo di intervenire sull’aspetto del vetromattone e di realizzare, quando installato in pannelli, disegni di facciata grazie alla modularità del prodotto. I suddetti pannelli fotovoltaici costituiscono l’involucro dell’edificio, comportando vantaggiose economie di materiali e costi, non essendo necessari ulteriori elementi tecnici di supporto. L’invenzione presenta sette ipotesi di integrazione delle DSC con il vetromattone, per la realizzazione di un prodotto da assemblare “a secco” in pannelli fotovoltaici. In questi ultimi il cablaggio dei fili e le barre di irrigidimento vengono alloggiati nella struttura di supporto, che può essere costituita da profili in materiale plastico disposti in orizzontale ed in verticale nelle cavità generate dall’accostamento e dalla giustapposizione dei vetromattoni.

AB - L’invenzione riguarda l’integrazione del vetromattone con celle solari ibride (organiche/inorganiche), conosciute come Dye-sensitized Solar Cell (DSC). La combinazione del vetromattone con le DSC consente di migliorare le prestazioni del prodotto originario rendendolo in grado di produrre energia pulita. Le caratteristiche di trasparenza e isolamento termo-acustico del prodotto possono essere regolate agendo sulla configurazione delle DSC. Il prodotto può essere assemblato a formare pannelli fotovoltaici per la realizzazione di facciate traslucide energeticamente “attive” in varie condizioni luminose (condizioni di luce diffusa o artificiale) e indipendentemente dall’angolo di radiazione solare. Le DSC possono essere stampate in diversi colori e con vari disegni, consentendo di intervenire sull’aspetto del vetromattone e di realizzare, quando installato in pannelli, disegni di facciata grazie alla modularità del prodotto. I suddetti pannelli fotovoltaici costituiscono l’involucro dell’edificio, comportando vantaggiose economie di materiali e costi, non essendo necessari ulteriori elementi tecnici di supporto. L’invenzione presenta sette ipotesi di integrazione delle DSC con il vetromattone, per la realizzazione di un prodotto da assemblare “a secco” in pannelli fotovoltaici. In questi ultimi il cablaggio dei fili e le barre di irrigidimento vengono alloggiati nella struttura di supporto, che può essere costituita da profili in materiale plastico disposti in orizzontale ed in verticale nelle cavità generate dall’accostamento e dalla giustapposizione dei vetromattoni.

UR - http://hdl.handle.net/10447/86409

UR - http://brevetti.sicilia.it/pa2012a000002-brevetto-invenzione-palermo-sicilia/

M3 - Patent

ER -