Immaginare il cambiamento

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Pasquale Culotta immaginava un cambiamento, un avanzamento culturale collettivo capace di coinvolgere tutto e ovunque.Voleva cambiare le regole che governano la nostra società e, nel caso specifico, il governo delle città, le baronie universitarie, la professionedi architetto, l’editoria di architettura. Per raggiungere questo molteplice obiettivo ha speso la vita, comeun eroe “anticlassico” (potremmo dire “irregolare”), con umiltà e determinazione, senza mostrarsi troppo, a volte nascondendosi. Adesempio, era contrario a definire il suo gruppo come scuola di architettura, perché avrebbe connotato una struttura chiusa, un’appartenenzaad un maestro. Aveva certamente davanti gli occhi i danni culturali e materiali degli scarpiani (allievi o presunti tali di Carlo Scarpa) o i rossiani (allievi e collaboratori di Aldo Rossi in Italia) o, a livello locale, dei samoniani (allievi e collaboratori di Giuseppe Samonà) tutti riconoscibili per gli stilemi utilizzati piuttosto che per l’elaborazione dei contenuti autonomi della loro ricerca. Voleva invece costituire un gruppo, sempre aperto e disponibile ad accoglierenuovi contributi da chi fosse stato interessato a partecipare al processo di cambiamento.
Original languageItalian
Title of host publicationPasquale Culotta. L’arte di costruire la città
Pages8-21
Number of pages14
Publication statusPublished - 2018

Cite this

Guerrera, G. (2018). Immaginare il cambiamento. In Pasquale Culotta. L’arte di costruire la città (pp. 8-21)