Imago diaboli. Diavoli e demòni da Dante a Stradano

Lavinia Spalanca

Research output: Contribution to journalArticlepeer-review

Abstract

Intento del saggio è quello di esplorare un versante poco noto della fortuna critica dantesca, ossia le illustrazioni della Commedia realizzate - fra il 1587 e il 1588 - dal pittore fiammingo, naturalizzato toscano, Giovanni Stradano. In parti-colare, la trasposizione figurativa dell’Inferno proposta dall’artista manierista – un universo di presenze demoniache fissate nella loro tragica solennità, o di turbe diaboliche ritratte nel convulso andirivieni e nell’atroce deformità, su uno sfondo orrendamente desolato – assume una duplice funzione: non soltanto ribadisce l’iconicità del testo dantesco, debitore verso una lunga tradizione iconografica e insieme ispiratore di ulteriori narrazioni visive, ma costituisce un va-lido esempio dell’interpretazione tardocinquecentesca del poema - e in special modo dell’esegesi dantesca in seno all’Accademia Fiorentina - traducendone la polifonia stilistica in un continuum di immagini dal vibrante realismo e dall’inesausta potenza visionaria.
Original languageItalian
Pages (from-to)31-43
Number of pages13
JournalDANTE
VolumeXIV
Publication statusPublished - 2017
Externally publishedYes

Cite this