Il museo come infrastruttura urbana

Research output: Book/ReportOther report

Abstract

Gli spazi del Museo Riso sono del tutto insufficienti per lo sviluppo di una struttura museale di grandi potenzialità nel campo dell’Arte Moderna e Contemporanea, che da diversi anni anima con innumerevoli attività culturali la città di Palermo. Allo stato attuale gli spazi espositivi ubicati della sede principale di Corso Vittorio Emanuele sono limitati, i servizi d’accoglienza come bookshop e caffetteria sono minimi, e le strutture di servizio, ubicate nella seconda sede di Palazzetto Agnello, come depositi, laboratori, uffici, biblioteca e archivio sono insufficienti e in alcuni casi non esistono.L’ipotesi del progetto qui presentato è di ampliare Riso con nuovi spazi e servizi dislocati tra le due sedi, utilizzando gli spazi residuali derivanti da crolli, edifici non utilizzati e abbandonati di proprietà pubblica, lungo la via Celso, tra il sedime dell’antico Palazzo Belmonte Riso semidistrutto dalle bombe della Seconda guerra mondiale e la sede amministrativa. In questo modo la città potrebbe disporre di una Infrastruttura museale urbana capace di animare una parte del Centro storico che necessità di un nuovo impulso, un nuovo senso urbano, nuove funzioni, per ritornare ad essere abitata.
Original languageItalian
PublisherD'Arch-UNIPA
Number of pages132
ISBN (Print)9788890484971
Publication statusPublished - 2016

Cite this