Il certificato di proprietà digitale dei veicoli

Research output: Contribution to journalArticlepeer-review

Abstract

Il Consiglio di Stato si pronuncia sulla legittimità dell’introduzione, da parte dell’Automobile Club d’Italia (Aci), del certificato di proprietà digitale nelle pratiche di gestione del pubblico registro automobilistico. Innanzitutto, si ritiene che nessuna previsione normativa imponga di conservare il certificato in forma cartacea. La transizione digitale, al contrario, è incentivata da varie disposizioni di legge, anche perché offre maggiore tutela al cittadino. L’Aci, inoltre, in quanto ente pubblico, è titolare di tutte le attribuzioni e competenze necessarie per promuovere l’informatizzazione delle procedure relative alla proprietà dei veicoli. Il certificato digitale, infine, determinando una rilevante semplificazione nei rapporti tra amministrazione e utenti, è coerente con gli sforzi del legislatore tesi alla realizzazione dell’“amministrazione digitale”.
Original languageItalian
Pages (from-to)610-618
Number of pages9
JournalGIORNALE DI DIRITTO AMMINISTRATIVO
Publication statusPublished - 2019

Cite this