I fondamenti etero/cisnormativi del discorso criminologico. Una breve riflessione storico-sociologica

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Tenendo conto di un approccio archeologico del sapere socio-criminologico, l’obiettivo principale del saggio è tentare di comprendere in che modo i discorsi socio-criminologici sugli LGBT si caratterizzino non tanto rispetto al loro oggetto privilegiato, quanto piuttosto in base al modo attraverso cui formano questi stessi oggetti; si tratta di analizzare, dunque, le modalità che organizzano storicamente i modelli culturali proiettati dai discorsi medico-legali-criminologici da intendersi prevalentemente come «pratiche che formano sistematicamente gli oggetti di cui parlano». In particolare, la costruzione della tipologia dell’“invertito” ha origine a partire dal discorso medico nella metà del XIX secolo e, passando attraverso l’antropologia criminale, perviene al XX secolo, momento in cui la produzione dei discorsi repressivi in ambito medico-legale, criminologico e penalistico nei paesi occidentali tradisce, contro ogni aspettativa di rinnovamento,una forte assonanza con l’analisi positivistica “tradizionale”.
Original languageItalian
Title of host publicationSoggetti Diritti Poteri. Studi per Giovanna Fiume
Pages117-131
Number of pages15
Publication statusPublished - 2020

Publication series

NameVARIE

Cite this

Rinaldi, C. (2020). I fondamenti etero/cisnormativi del discorso criminologico. Una breve riflessione storico-sociologica. In Soggetti Diritti Poteri. Studi per Giovanna Fiume (pp. 117-131). (VARIE).