I beni confiscati alla mafia: verso la riconquista della legalità

Research output: Contribution to journalArticlepeer-review

Abstract

La Legge 7 marzo 1996, n.109, Disposizioni in materia di gestione e destinazione di beni sequestrati o confiscati, può essere considerata, uno strumento fondamentale per la lotta alla criminalità organizzata. Partendo dal presupposto che la lotta alla mafia debba passare anche attraverso l'attacco al capitale economico dell'organizzazione, in quanto base del potere mafioso, la legge n. 109/96 si inserisce in una strategia dal profondo significato simbolico, in quanto prevede che la destinazione d'uso dei beni confiscati debba essere sociale e istituzionale. In tal modo si cerca di proporre e affermare sul territorio il modelli della legalità attraverso il riutilizzo di beni che rappresentavano tutt'altro.
Original languageItalian
Pages (from-to)458-468
Number of pages11
JournalAGGIORNAMENTI SOCIALI
Volume06
Publication statusPublished - 2003

Cite this