Economia dell’informazione energetica nella società capitalistica. La rendita solare dell’ambiente naturale e costruito

Research output: Book/ReportBook

Abstract

[automatically translated] The economic value of an area is the result of "capital gains" or spatial and temporal plusvalutazioni or economic-financial that con¬cretizzano, respectively, in the positional annuity or differential and absolute rent. When you consider the territory as a reservoir of renewable energy, it can also recognize the existence of energy potential capital gains (or geo-cli¬ma¬-ti¬che) due directly or indirectly al¬¬¬l'ir¬¬ solar ¬¬rag¬¬gia¬mento. Even the latter type of gains has na¬tura space-time and may contribute to the formation and intensification of land and urban income. In this paper, we analyze the influence that the use of renewable energy has on land and urban income. The speech relates, in general, the various forms of alternative energy sources, but, in particular, it focuses attention on the possibility of utilization of photovoltaic areas. The energy-national and international environmental policies support the increasing use of renewable sources, promoting the widespread production in the energy area. This process, which seems irreversible, it opens up new segments of the urban real estate market still in the process of activation. The potential of solar use of buildings, for which you have some evaluation indexes, is a prerequisite for the growth of the use of income from photovoltaic surface and affects both the environmental quality of buildings for the purposes of energy certification, both on the economic value of 'estate.
Original languageItalian
PublisherFrancoAngeli
Number of pages128
ISBN (Print)978-88-568-2574-9
Publication statusPublished - 2010

Cite this

@book{57e63e036ab44bffbb75c6c1a87f0f50,
title = "Economia dell’informazione energetica nella societ{\`a} capitalistica. La rendita solare dell’ambiente naturale e costruito",
abstract = "La valorizzazione economica di un’area {\`e} il risultato di «plusvalenze» o plusvalutazioni spaziali e temporali o economico-finanziarie che si con¬cretizzano, rispettivamente, nella rendita posizionale o differenziale e nella rendita assoluta. Se si considera il territorio come un bacino di energia rinnovabile, si pu{\`o} anche riconoscere l’esistenza di plusvalenze da potenziale energetico (o geo-cli¬ma¬-ti¬che) dovute direttamente o indirettamente al¬¬¬l’ir¬¬¬¬rag¬¬gia¬mento solare. Anche quest’ultima tipologia di plusvalenze ha na¬tura spazio-temporale e pu{\`o} contribuire alla formazione e intensificazione della rendita fondiaria e urbana. In questo scritto, si analizza l’influenza che l’uso delle energie rinnovabili esercita sulla rendita fondiaria ed urbana. Il discorso si riferisce, in generale, alle diverse forme di fonti energetiche alternative, ma, in particolare, focalizza l’attenzione sulla possibilit{\`a} di utilizzazione fotovoltaica delle aree. Le politiche energetico-ambientali nazionali ed internazionali sostengono il ricorso sempre maggiore a fonti rinnovabili, promuovendo la produzione diffusa sul territorio dell’energia. Tale processo, che appare irreversibile, dischiude nuovi segmenti del mercato immobiliare urbano ancora in fase di attivazione. Il potenziale d’uso fotovoltaico degli edifici, per la cui valutazione si presentano alcuni indici, {\`e} il presupposto per la crescita del reddito da uso fotovoltaico delle superfici ed incide sia sulla qualit{\`a} ambientale degli edifici ai fini della certificazione energetica, sia sulla valorizzazione economica dell’immobile. Gli effetti di questi fenomeni sul mercato immobiliare vengono analizzati alla luce del paradigma speculativo-finanziario della teoria del capitale.",
author = "Maria Granata",
year = "2010",
language = "Italian",
isbn = "978-88-568-2574-9",
publisher = "FrancoAngeli",

}

TY - BOOK

T1 - Economia dell’informazione energetica nella società capitalistica. La rendita solare dell’ambiente naturale e costruito

AU - Granata, Maria

PY - 2010

Y1 - 2010

N2 - La valorizzazione economica di un’area è il risultato di «plusvalenze» o plusvalutazioni spaziali e temporali o economico-finanziarie che si con¬cretizzano, rispettivamente, nella rendita posizionale o differenziale e nella rendita assoluta. Se si considera il territorio come un bacino di energia rinnovabile, si può anche riconoscere l’esistenza di plusvalenze da potenziale energetico (o geo-cli¬ma¬-ti¬che) dovute direttamente o indirettamente al¬¬¬l’ir¬¬¬¬rag¬¬gia¬mento solare. Anche quest’ultima tipologia di plusvalenze ha na¬tura spazio-temporale e può contribuire alla formazione e intensificazione della rendita fondiaria e urbana. In questo scritto, si analizza l’influenza che l’uso delle energie rinnovabili esercita sulla rendita fondiaria ed urbana. Il discorso si riferisce, in generale, alle diverse forme di fonti energetiche alternative, ma, in particolare, focalizza l’attenzione sulla possibilità di utilizzazione fotovoltaica delle aree. Le politiche energetico-ambientali nazionali ed internazionali sostengono il ricorso sempre maggiore a fonti rinnovabili, promuovendo la produzione diffusa sul territorio dell’energia. Tale processo, che appare irreversibile, dischiude nuovi segmenti del mercato immobiliare urbano ancora in fase di attivazione. Il potenziale d’uso fotovoltaico degli edifici, per la cui valutazione si presentano alcuni indici, è il presupposto per la crescita del reddito da uso fotovoltaico delle superfici ed incide sia sulla qualità ambientale degli edifici ai fini della certificazione energetica, sia sulla valorizzazione economica dell’immobile. Gli effetti di questi fenomeni sul mercato immobiliare vengono analizzati alla luce del paradigma speculativo-finanziario della teoria del capitale.

AB - La valorizzazione economica di un’area è il risultato di «plusvalenze» o plusvalutazioni spaziali e temporali o economico-finanziarie che si con¬cretizzano, rispettivamente, nella rendita posizionale o differenziale e nella rendita assoluta. Se si considera il territorio come un bacino di energia rinnovabile, si può anche riconoscere l’esistenza di plusvalenze da potenziale energetico (o geo-cli¬ma¬-ti¬che) dovute direttamente o indirettamente al¬¬¬l’ir¬¬¬¬rag¬¬gia¬mento solare. Anche quest’ultima tipologia di plusvalenze ha na¬tura spazio-temporale e può contribuire alla formazione e intensificazione della rendita fondiaria e urbana. In questo scritto, si analizza l’influenza che l’uso delle energie rinnovabili esercita sulla rendita fondiaria ed urbana. Il discorso si riferisce, in generale, alle diverse forme di fonti energetiche alternative, ma, in particolare, focalizza l’attenzione sulla possibilità di utilizzazione fotovoltaica delle aree. Le politiche energetico-ambientali nazionali ed internazionali sostengono il ricorso sempre maggiore a fonti rinnovabili, promuovendo la produzione diffusa sul territorio dell’energia. Tale processo, che appare irreversibile, dischiude nuovi segmenti del mercato immobiliare urbano ancora in fase di attivazione. Il potenziale d’uso fotovoltaico degli edifici, per la cui valutazione si presentano alcuni indici, è il presupposto per la crescita del reddito da uso fotovoltaico delle superfici ed incide sia sulla qualità ambientale degli edifici ai fini della certificazione energetica, sia sulla valorizzazione economica dell’immobile. Gli effetti di questi fenomeni sul mercato immobiliare vengono analizzati alla luce del paradigma speculativo-finanziario della teoria del capitale.

UR - http://hdl.handle.net/10447/74094

M3 - Book

SN - 978-88-568-2574-9

BT - Economia dell’informazione energetica nella società capitalistica. La rendita solare dell’ambiente naturale e costruito

PB - FrancoAngeli

ER -