Donne che dipingono donne. La costruzione della femminilità nell'arte di Remedios Varo

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

In questo articolo analizzerò la visione della femminilità che emerge nei lavori dell’artista spagnola Remedios Varo (1908-1963), la cui pittura – canonicamente definita surrealista – rivela una forte sensibilità nei confronti del ruolo della donna nella società. In particolare:-Inizierò fornendo dei riferimenti biografici essenziali per comprendere l’opera dell’artista.-Analizzerò in seguito il rapporto di Varo con il movimento surrealista.-Mi concentrerò infine sull’emancipazione di Varo dal canone surrealista, dominato da un forte, seppur implicito, maschilismo. Sosterrò che tale emancipazione sia resa possibile tramite un ripensamento della nozione di femminilità. Per analizzare la concezione della femminilità nell’opera di Varo, mi soffermerò su quattro opere che considererò connesse tra loro da una sequenza narrativa implicitamente suggerita dalla stessa artista: Au Bonheur des Dames (1956), Tailleur pour Dames (1957), Explorations of the Orinoco River (1959), Encuentro (1959).
Original languageItalian
Title of host publicationDISCURSOS AL MARGEN. VOCES OLVIDADAS EN LA LENGUA, LA LITERATURA Y EL CINE EN ESPAÑOL E ITALIANO
Pages257-273
Number of pages17
Publication statusPublished - 2021

Publication series

NameMEMORIA & IDENTITÀ CULTURAL & LINGUISTIC HERITAGE

Cite this