Crescita verde: un'analisi delle regioni italiane

Research output: Contribution to conferenceOther

Abstract

[automatically translated] The economic recovery and interest in environmental issues are being studied by many countries and international organizations with the aim to define a development path centered on a "green growth" (green growth). The green economy (green economy) can be defined as a system that aims at a development that uses resources in an efficient and sustainable, so as to ensure that the health andthe growth is not depleting the natural heritage and this can be renewed by continuing to provide over time environmental resources and services. In the definition of the objectives of green growth will highlight the shortcomings of GDP as the sole indicator of reference. The debate obsolescence of GDP as a measure of growth that is not only economic, develops in two directions. On one side, you want to include in its definition of environmental accounting system, with the objective to change the economic growth indicator in its definition phase. On the other hand, it is preferred to combine it some steps that represent other dimensions, other than the purely economic. In this last tendency it is found a recent OECD proposal suggesting a set of indicators to monitor progress towards a green growth. This paper aims to analyze the degree of sustainable development in Italy at the regional level, using a set of indicators to provide a snapshot of reality valid for comparisons over time. The objective of adding a set of variables in a single indicator stems from the desire to synthesize a multidimensional aspect as a whole, even at the expense of information relating to the individual aspects. Among the criteria used in the identification of green growth indicators have been considered key aspects of both "growth" and the "green" and their main factors. Moreover, in the selection of indicators we were considered the principles of political importance, analytical robustness and measurability as commonly accepted for the construction of an ideal indicator. Therefore, in the interest of conducting a regional analysis of sustainable development, we committed ourselves to follow a measurement framework designed at a national level of detail and whose starting point is to be fixed to the sphere of production. Among the criteria used in the identification of green growth indicators have been considered key aspects of both "growth" and the "green" and their main factors. Moreover, in the selection of indicators we were considered the principles of political importance, analytical robustness and measurability as commonly accepted for the construction of an ideal indicator. Therefore, in the interest of conducting a regional analysis of sustainable development, we committed ourselves to follow a measurement framework designed at a national level of detail and whose starting point is to be fixed to the sphere of production. Among the criteria used in the identification of green growth indicators have been considered key aspects of both "growth" and the "green" and their main factors. Moreover, in the selection of indicators we were considered the principles of political importance, analytical robustness and measurability as commonly accepted for the construction of an ideal indicator. Therefore, in the interest of conducting a regional analysis of sustainable development, we committed ourselves to follow a measurement framework designed at a national level of detail and whose starting point is to be fixed to the sphere of production. analytical robustness and measurability as commonly accepted for the construction of an ideal indicator. The
Original languageItalian
Number of pages0
Publication statusPublished - 2012

Cite this

Crescita verde: un'analisi delle regioni italiane. / Giaimo, Rosa; Di Verde, Salvatore.

2012.

Research output: Contribution to conferenceOther

@conference{80f43cc7b31d4e2fa0dfe6c68df1608c,
title = "Crescita verde: un'analisi delle regioni italiane",
abstract = "La ripresa economica e l’interesse verso le problematiche ambientali sono oggetto di studio da parte di molti paesi e organismi internazionali con l’obiettivo di definire un sentiero di sviluppo incentrato su una“crescita verde” (green growth). L’economia verde (green economy) si pu{\`o} definire come un sistema che mira ad uno sviluppo che utilizza le risorse in maniera efficiente e sostenibile, in modo da garantire che la crescita eil benessere non impoveriscano il patrimonio naturale e questo possa rinnovarsi continuando a fornire nel tempo risorse e servizi ambientali. Nella definizione degli obiettivi di una crescita verde si evidenziano le carenze del PIL come unico indicatore di riferimento. Il dibattito sull’obsolescenza del PIL quale misura di una crescita che non {\`e} pi{\`u} soltanto economica, si sviluppa in due direzioni. Da un lato, si vuole includere nella sua definizione elementi di contabilit{\`a} ambientale, con l’obiettivo di modificare l’indicatore di crescita economica nella sua fase di definizione. Dall’altro, si preferisce affiancare ad esso alcune misure che rappresentano altre dimensioni, diverse da quella prettamente economica. In quest’ultima tendenza si colloca una recente proposta dell’OCSE che suggerisce una serie di indicatori per monitorare il progresso verso una green growth. Il presente lavoro si propone di analizzare il grado di sviluppo sostenibile presente in Italia a livello regionale, utilizzando un insieme di indicatori utili per fornire una fotografia della realt{\`a} valida per confronti nel tempo. L’obiettivo di aggregare un set di variabili in un solo indicatore trae origine dalla volont{\`a} di sintetizzare un aspetto multidimensionale nel suo complesso, anche a scapito di informazioni relative ai singoli aspetti. Tra i criteri applicati nell’identificazione degli indicatori di crescita verde sono stati considerati aspetti chiave sia della “crescita” che del “verde” e dei loro principali fattori. Inoltre, nella scelta degli indicatori sono stati considerati i principi di rilevanza politica, robustezza analitica e misurabilit{\`a} comunemente accettati per la costruzione di un indicatore ideale. Pertanto, nell’interesse di condurre un’analisi regionale di sviluppo sostenibile ci si {\`e} impegnati a seguire un measurement framework concepito ad un livello di dettaglio nazionale e il cui punto di partenza risulta essere fissato sulla sfera della produzione.",
author = "Rosa Giaimo and {Di Verde}, Salvatore",
year = "2012",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Crescita verde: un'analisi delle regioni italiane

AU - Giaimo, Rosa

AU - Di Verde, Salvatore

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - La ripresa economica e l’interesse verso le problematiche ambientali sono oggetto di studio da parte di molti paesi e organismi internazionali con l’obiettivo di definire un sentiero di sviluppo incentrato su una“crescita verde” (green growth). L’economia verde (green economy) si può definire come un sistema che mira ad uno sviluppo che utilizza le risorse in maniera efficiente e sostenibile, in modo da garantire che la crescita eil benessere non impoveriscano il patrimonio naturale e questo possa rinnovarsi continuando a fornire nel tempo risorse e servizi ambientali. Nella definizione degli obiettivi di una crescita verde si evidenziano le carenze del PIL come unico indicatore di riferimento. Il dibattito sull’obsolescenza del PIL quale misura di una crescita che non è più soltanto economica, si sviluppa in due direzioni. Da un lato, si vuole includere nella sua definizione elementi di contabilità ambientale, con l’obiettivo di modificare l’indicatore di crescita economica nella sua fase di definizione. Dall’altro, si preferisce affiancare ad esso alcune misure che rappresentano altre dimensioni, diverse da quella prettamente economica. In quest’ultima tendenza si colloca una recente proposta dell’OCSE che suggerisce una serie di indicatori per monitorare il progresso verso una green growth. Il presente lavoro si propone di analizzare il grado di sviluppo sostenibile presente in Italia a livello regionale, utilizzando un insieme di indicatori utili per fornire una fotografia della realtà valida per confronti nel tempo. L’obiettivo di aggregare un set di variabili in un solo indicatore trae origine dalla volontà di sintetizzare un aspetto multidimensionale nel suo complesso, anche a scapito di informazioni relative ai singoli aspetti. Tra i criteri applicati nell’identificazione degli indicatori di crescita verde sono stati considerati aspetti chiave sia della “crescita” che del “verde” e dei loro principali fattori. Inoltre, nella scelta degli indicatori sono stati considerati i principi di rilevanza politica, robustezza analitica e misurabilità comunemente accettati per la costruzione di un indicatore ideale. Pertanto, nell’interesse di condurre un’analisi regionale di sviluppo sostenibile ci si è impegnati a seguire un measurement framework concepito ad un livello di dettaglio nazionale e il cui punto di partenza risulta essere fissato sulla sfera della produzione.

AB - La ripresa economica e l’interesse verso le problematiche ambientali sono oggetto di studio da parte di molti paesi e organismi internazionali con l’obiettivo di definire un sentiero di sviluppo incentrato su una“crescita verde” (green growth). L’economia verde (green economy) si può definire come un sistema che mira ad uno sviluppo che utilizza le risorse in maniera efficiente e sostenibile, in modo da garantire che la crescita eil benessere non impoveriscano il patrimonio naturale e questo possa rinnovarsi continuando a fornire nel tempo risorse e servizi ambientali. Nella definizione degli obiettivi di una crescita verde si evidenziano le carenze del PIL come unico indicatore di riferimento. Il dibattito sull’obsolescenza del PIL quale misura di una crescita che non è più soltanto economica, si sviluppa in due direzioni. Da un lato, si vuole includere nella sua definizione elementi di contabilità ambientale, con l’obiettivo di modificare l’indicatore di crescita economica nella sua fase di definizione. Dall’altro, si preferisce affiancare ad esso alcune misure che rappresentano altre dimensioni, diverse da quella prettamente economica. In quest’ultima tendenza si colloca una recente proposta dell’OCSE che suggerisce una serie di indicatori per monitorare il progresso verso una green growth. Il presente lavoro si propone di analizzare il grado di sviluppo sostenibile presente in Italia a livello regionale, utilizzando un insieme di indicatori utili per fornire una fotografia della realtà valida per confronti nel tempo. L’obiettivo di aggregare un set di variabili in un solo indicatore trae origine dalla volontà di sintetizzare un aspetto multidimensionale nel suo complesso, anche a scapito di informazioni relative ai singoli aspetti. Tra i criteri applicati nell’identificazione degli indicatori di crescita verde sono stati considerati aspetti chiave sia della “crescita” che del “verde” e dei loro principali fattori. Inoltre, nella scelta degli indicatori sono stati considerati i principi di rilevanza politica, robustezza analitica e misurabilità comunemente accettati per la costruzione di un indicatore ideale. Pertanto, nell’interesse di condurre un’analisi regionale di sviluppo sostenibile ci si è impegnati a seguire un measurement framework concepito ad un livello di dettaglio nazionale e il cui punto di partenza risulta essere fissato sulla sfera della produzione.

UR - http://hdl.handle.net/10447/79706

M3 - Other

ER -