Comunicazione animalista, corporeità dell’animale e isotopia del martirio

Research output: Contribution to journalArticle

Abstract

È possibile parlare di martirio al di fuori del tradizionale ambito della religione e della politica intesa insenso stretto? Può essere utile farlo, al fine di comprendere meglio i meccanismi semiotici che regolanoil martirio stesso? Uno dei campi in cui si possono ritrovare i principali tratti del martirio è quello dellacomunicazione messa in atto da parte dei movimenti animalisti. In apparenza un’area molto lontanada quella del martirio religioso o di quello a scopi politici, ma l’animalismo è in effetti un fenomeno incui ragioni etiche, politiche, religiose, dietetiche e filosofiche sono strettamente interconnesse. Tral’altro, il rinnovato interesse per la semiotica dell’animalità e per la questione della relazione tra umanie animali, in generale, conferma la rilevanza del tema animale nell’era contemporanea
Original languageItalian
Pages (from-to)1-11
Number of pages11
JournalE/C
Publication statusPublished - 2019

Cite this