Città aumentate del Neoantropocene. Comunità multiurbane a prova della prossima crisi

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

È venuto il momento di adottare un nuovo paradigma ecologico nella progettazione degli habitat urbani, mettendo in campo una nuova urbanistica circolare, capace di progettare e rigenerare città, territori e paesaggi riattivando i loro naturali metabolismi, lavorando sugli scarti, progettando il riciclo e contrastando l’obsolescenza programmata delle città dell’Antropocene predatorio. La sfida non è solo interna alla città, ma il nuovo paradigma di sviluppo dovrà riattivare la fertile alleanza tra dimensione urbana e dimensione rurale, guidando adeguate strategie di cooperazione. Inoltre, dobbiamo essere in grado di ripensare i pattern insediativi eliminando il concetto di periferia come scarto prodotto dalla famelica espansione urbana e dalla correlata concentrazione di valori immobiliari e finanziari in centri che diventano sempre più iper-centri. Dobbiamo, quindi, stimolare la creatività degli habitat resilienti attingendo dalle pratiche che già stanno producendo nuove e coraggiose comunità resilienti in varie parti dell’Europa.
Original languageItalian
Title of host publicationCome cambieranno le città e i territori dopo il Covid-19 : le tesi di dieci urbanisti
Pages21-36
Number of pages16
Publication statusPublished - 2021

Publication series

NameQUODLIBET STUDIO. CITTÀ E PAESAGGIO

Cite this