Architetture artificiali “per via di levare”. Una cava di calcarenite.

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Nel 1756, Pietro Bellaroto acquistò una chiusa di "terre scapole" nella Fossa della Garofala; questa gli fu poi alienata nel 1759 a favore di Giovanni Gerardi. Per tutto il XVII secolo il Bellaroto aveva iniziato a coltivare una cava di pietra (pirrera, dal termine spagnolo pedrera), la cui produzione lapidea venne utilizzata per la costruzione di molti edifici palermitani, intra ed extra moenia; la cava veniva chiamata pirrera di Bellaroto e la pietra prodotta era definita "forte", di buona qualità.
Original languageItalian
Title of host publicationLetture parallele, l’architettura, il paesaggio e il racconto delle arti
Pages114-115
Number of pages2
Publication statusPublished - 2020

Cite this