A che gioco giochiamo? Il gioco linguistico della comprensione e le arti performative

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

In questo intervento descriverò alcune caratteristiche della relazione tra spettatore ed esperienza artistiica dal punto di vista dei meccanismi della comprensione dell’opera d’arte, con una specifico riferimento alle arti performative. Svilupperò questo contributo attraverso un confronto tra la comprensione di un enunciato e la comprensione di un’opera d’arte, utilizzando come modello le nozioni di regole e gioco linguistico elaborate da Wittgenstein. Secondo questo modello, la comprensione è parafrasabile come riconoscimento di un pattern che regola le interazioni in gioco. Mostrerò come in alcuni domini artistici la comprensione poggi sul riconoscimento di un insieme di regole che consentonio allo spettatore di ricondurre gli eventi dell’opera d’arte a quelli di situazioni piu familiari. Chiarirò questa ipotesi attraverso esempi tratti da arti performative (Erdem Gunduz, the stianding man), teatro (samuel Beckett) cinema (Michelangelo Antonioni) mostrando come la tensioen continua tra riconscimento e dissonanza realizzata attraverso una controllata violazioen delle regole crei le condizioni per l’esperienza di senso peculiare appunto all’opera d’arte.
Original languageItalian
Title of host publicationIl campo della metafisica. Studi in onore di Giuseppe Nicolaci.
Pages133-144
Number of pages12
Publication statusPublished - 2018

Cite this