«Regards croisés» et processus de remotivation des blasons populaires siciliens

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Proporremo qualche riflessione su un settore dell’onomastica che si presta particolarmente a processi di mobilità semantica e rimotivazione. Il blasone popolare, ovvero il soprannome collettivo, sia che venga espresso come locuzione o disturna sia che appaia come marca lessicale, finisce per identificare in maniera univoca il gruppo che lo riceve (e che, talvolta, lo accoglie) anteponendo la funzione di denominazione etnica al valore semantico primariamente espresso dal significante e al suo valore morfologico (che può essere di generico aggettivo, nome o locuzione).Nella comunicazione si indicheranno alcuni modelli di formazione dei blasoni a partire da esempi concreti registrati in alcune aree della Sicilia e ancora oggi attivi nell’estrazione di tratti caratterizzanti della comunità: dall’aneddoto orale; dalla locuzione (in genere spregiativa); dallo shibbolet linguistico; dall’evento storico. Si cercherà di valutare la componente campanilistica in una prospettiva di reciprocità, tentando di intercettare gli sguardi/stereotipi incrociati.
Original languageFrench
Title of host publication“Le nom propre a-t-il un sens?”
Pages211-222
Number of pages12
Publication statusPublished - 2013

Cite this