Nuove forme di dosaggio per la somministrazione di farmaci sulla mucosa orale: Progettazione e studi di biodisponibilità

Project: Research project

Project Details

Description

La ricerca verte sulla progettazione e realizzazione di nuove forme di dosaggio, non convenzionali, per mezzo delle quali ottenere una più opportuna biodisponibilità dei farmaci al sito d'azione. La realizzazione di sistemi mucoadesivi di rilascio di farmaci, a livello della mucosa buccale, può risultare utile sia nel trattamento topico di patologie che colpiscono la cavità orale sia nel trattamento sistemico di altre patologie.

In particolare, la realizzazione di un sistema di rilascio innovativo può risultare utile nel trattamento sistemico di patologie croniche, che richiedono terapie prolungate.

In particolare, la ricerca mira alla realizzazione di una nuova forma di dosaggio, contenente Galantamina, utile nel trattamento della malattia di Alzheimer. Tale malattia rappresenta, almeno nei Paesi occidentali, la forma più frequente di demenza tra gli anziani. Poiché studi riportano che il tessuto cerebrale di pazienti affetti da Alzheimer è caratterizzato da scarsi livelli di Acetilcolina (Ach), uno dei principali neurotrasmettitori del S.N.C., la somministrazione di Galantamina, in grado di migliorare la trasmissione colinergica, rappresenta una cura di prima scelta nella terapia sintomatica della malattia. Al fine di ridurre gli effetti collaterali legati alla somministrazione cronica di Galantamina per via orale e limitare gli inconvenienti derivanti dalla somministrazione di forme di dosaggio convenzionali, questa ricerca si propone di realizzare una forma farmaceutica innovativa “mucoadesiva”, che, aderendo allo strato di muco che ricopre la mucosa buccale, consente di aumentare il tempo di permanenza e prolungare il rilascio e l’assorbimento del principio attivo. Questi vantaggi potrebbero tradursi in un aumento della biodisponibilità ed un miglioramento della risposta terapeutica.

Poiché il fattore limitante principale nello sviluppo di un dispositivo per il rilascio buccale di farmaci potrebbe essere costituito proprio dalla bassa permeabilità della mucosa orale, verranno condotti studi preliminari al fine di valutare l’attitudine della Galantamina ad attraversare tale barriera. Gli studi di permeabilità saranno condotti eseguendo esperimenti in vitro ed ex vivo su modelli animali. Poiché il processo di mucoadesione descrive la capacità di alcune macromolecole, sintetiche o naturali, di aderire ai tessuti dell’organismo tramite la formazione di legami addizionali, scopo della ricerca sarà lo studio delle caratteristiche di diverse classi di polimeri, per il loro uso come sostanze mucoadesive. Saranno considerati alcuni derivati naturali e semisintetici (gelatina, gomma guar, gomma karaja, chitosano, derivati della cellulosa, etc.) e derivati sintetici (polimeri e copolimeri dell’acido acrilico, alcol polivinilico, polialchilcianoacrilati, etc.). Inoltre, sarà opportunamente valutata l’efficacia clinica dei sistemi bioadesivi realizzati.

Layman's description

Obiettivo della ricerca è migliorare la biodisponibilità della Galantamina, farmaco utile nel trattamento della malattia di Alzheimer, mediante la progettazione e realizzazione di nuovi sistemi terapeutici, non convenzionali, bioadesivi, da applicare sulla mucosa buccale. Un nuovo sistema di dosaggio di tipo matriciale applicabile all’interno della cavità orale e capace di aderire all’epitelio della mucosa buccale, dovrà essere in grado di rilasciare il farmaco con velocità prestabilita e controllata, in corrispondenza del sito d’assorbimento. Altri vantaggi provenienti dalla somministrazione della galantamina sottoforma di drug delivery system saranno:

- riduzione della dose giornaliera;

- riduzione del numero delle somministrazioni giornaliere;

- eliminazione del rischio di mancata assunzione per dimenticanza, tipica del malato di Alzheimer;

- profili di concentrazione plasmatici costanti;

- eliminazione del first pass effect;

- notevole riduzione degli effetti collaterali.

Poiché il fattore limitante principale nello sviluppo di un dispositivo per il rilascio buccale di farmaci potrebbe essere costituito proprio dalla bassa permeabilità della mucosa orale, verranno condotti studi preliminari al fine di valutare l’attitudine della Galantamina ad attraversare tale barriera. Gli studi di permeabilità potranno essere condotti eseguendo esperimenti in vitro, mediante l’uso di tessuti mucosali coltivati, ex vivo mediante l’uso di mucose buccali animali ed in vivo su modelli animali.

La ricerca verrà indirizzata verso la realizzazione di sistemi matriciali scegliendo gli opportuni materiali mucoadesivi di supporto. In particolare, in base alle caratteristiche chimico-fisiche del principio attivo, verranno messi a punto i metodi per la preparazione di tali sistemi, valutando adeguatamente i materiali, in modo che questi siano capaci di inglobare il farmaco e di formare sistemi caratterizzati da mucoadesività.

L'obiettivo è, inoltre, quello di effettuare una valutazione comparativa dell’efficacia terapeutica e della compliance del paziante tra la nuova formulazione e le forme farmaceutiche convenzionali già presenti in commercio.
Metodologie
Preliminarmente verranno condotti studi al fine di valutare l’attitudine della Galantamina ad attraversare la mucosa orale. Gli studi di permeabilità saranno condotti eseguendo esperimenti in vitro ed ex vivo su modelli animali. In particolare, in vitro sarà osservata la cinetica di permeazione del farmaco attraverso colture standardizzate di epitelio orale umano ricostituito. Gli studi ex vivo, impiegando celle di diffusione verticali tipo Franz, saranno effettuati su mucosa buccale porcina. Verranno utilizzati campioni di tessuto mucosale, asportato chirurgicamente dalla cavità orale di maiali, immediatamente dopo il sacrificio, e privato della porzione connettivale sottostante, e quindi conservati alla temperatura di -40°C. Il processo di permeazione verrà quindi espresso in termini di flusso (J) allo steady-state. Dai risultati di questi esperimenti si valuterà l’opportunità di utilizzare promotori di assorbimento sia chimici che fisici.

La ricerca procederà con l’individuazione di polimeri naturali e/o sintetici, che per le loro caratteristiche chimico-fisiche possano prestarsi con successo alla realizzazione di sistemi matriciali bioadesivi stabili e resistenti, da applicare sulla mucosa buccale. Di seguito, verranno messi a punto i metodi per la preparazione di tali sistemi, scegliendo adeguatamente i materiali di supporto, in modo che questi siano capaci di inglobare il farmaco e di formare matrici caratterizzate da mucoadesività, e quindi adatte all'applicazione sulla mucosa buccale.

Lo studio procederà con la determinazione in vitro della velocità di rilascio del farmaco dalla forma di dosaggio, utilizzando una cella di flusso, in condizioni analoghe a quanto si verifica in vivo. I risultati sperimen

Key findings

Salute
StatusActive
Effective start/end date1/1/06 → …