Convenzionalismo giuridico e ragionamento pratico

Project: Research project

Project Details

Description

In che senso il diritto può dirsi un che di “convenzionale”? In che senso, cioè, i fatti giuridici esistono, sussistono “per convenzione”? E, posto che sia possibile individuare una risposta plausibile a questi interrogativi quali implicazioni ha il carattere convenzionale del diritto in ordine alla struttura, la forma, del ragionamento giuridico, e alla natura delle ragioni per agire che il diritto fornisce, o pretende di fornire, ai suoi destinatari?Nella filosofia pratica e nella teoria del diritto contemporanee, soprattutto di matrice anglosassone, i problemi appena elencati sono ampiamente dibattuti. L’obiettivo della ricerca è duplice: (1) apportare un contributo alla costruzione di una teoria convenzionalistica del diritto, e del ragionamento giuridico. (2) Coniugare questo ordine di indagini con le elaborazioni filosofico-politiche contemporanee in tema di “ragione pubblica”. Per “ragione pubblica” si intende, grosso modo, il complesso di forme di ragionamento e argomentazione, e di principi normativi e assiologici, sui quali ci si può aspettare possano convergere visioni e concezioni del mondo, del bene e della giustizia, ragionevoli, ma diverse e confliggenti, in una società pluralistica e multiculturale. Può una società liberale, caratterizzata dal fenomeno del pluralismo ragionevole delle concezioni etiche, religiose, filosofiche della giustizia e della vita buona, pervenire all’edificazione di un modo comune di ragionare, una ragione condivisa? O le società complesse contemporanee, pluralistiche e multiculturali, sono condannate al conflitto fra concezioni del bene e della giustizia reciprocamente incompatibili o incommensurabili?Fra l’idea che il diritto abbia carattere convenzionale e l’ideale di una ragione pubblica si stabilisce, nella cultura giuridico-politica occidentale moderna un legame molto stretto. Pare, infatti, che ragioni pubbliche, condivisibili da prospettive etiche, religiose, filosofiche diverse e configgenti, non possano che avere carattere convenzionale; e che il diritto possa e debba svolgere, in quanto complesso di ragioni d’azione convenzionali, il ruolo di ragione pubblica di una comunità politica pluralista.La ricerca, dunque, si propone di saldare le indagini in tema di ragione pubblica con le indagini contemporanee volte alla costruzione di un’ontologia convenzionalista dei fatti giuridici, e di rispondere, su queste basi, all’interrogativo circa la possibilità o meno di una ragione pubblica.

Layman's description

La tesi che il diritto sia un che di convenzionale è la tesi centrale del positivismo giuridico. Anche le teorie giusnaturaliste rivendicano sovente il carattere convenzionale del diritto positivo. Ebbene: in che senso il diritto può dirsi un che di “convenzionale”? In che senso, cioè, i fatti giuridici esistono, sussistono “per convenzione”? E, posto che sia possibile individuare una risposta plausibile a questi interrogativi - elaborando, così, una teoria convenzionalistica del diritto, o del diritto positivo - quali implicazioni ha il carattere convenzionale del diritto in ordine alla struttura, la forma, del ragionamento giuridico, e alla natura delle ragioni per agire che il diritto fornisce, o pretende di fornire, ai suoi destinatari? Come può qualcosa costituire una ragione d’azione per convenzione?L’obiettivo della ricerca è duplice: (1) affrontare i nuclei problematici elencati, al fine di apportare un contributo alla costruzione di una teoria convenzionalistica del diritto, e del ragionamento giuridico. (2) Coniugare questo ordine di indagini con le elaborazioni filosofico-politiche contemporanee in tema di “ragione pubblica”. Per “ragione pubblica” si intende, grosso modo, il complesso di forme di ragionamento e argomentazione, e di principi normativi e assiologici, sui quali ci si può aspettare possano convergere visioni e concezioni del mondo, del bene e della giustizia, ragionevoli, ma diverse e confliggenti, in una società pluralistica e multiculturale. Può una società liberale, caratterizzata dal fenomeno del pluralismo ragionevole delle concezioni etiche, religiose, filosofiche della giustizia e della vita buona, pervenire all’edificazione di un modo comune di ragionare, una ragione condivisa? O le società complesse contemporanee, pluralistiche e multiculturali, sono condannate al conflitto fra concezioni del bene e della giustizia reciprocamente incompatibili o incommensurabili?Fra l’idea che il diritto abbia carattere convenzionale e l’ideale di una ragione pubblica si stabilisce, nella cultura giuridico-politica occidentale moderna (a partire, almeno, da T. Hobbes) un legame molto stretto. Pare, infatti, che ragioni pubbliche, condivisibili da prospettive etiche, religiose, filosofiche diverse e configgenti, non possano che avere carattere convenzionale; e che il diritto possa e debba svolgere, in quanto complesso di ragioni d’azione convenzionali, il ruolo di ragione pubblica di una comunità politica pluralista. Il diritto, in quanto insieme di convenzioni condivise, è - sembra si possa sostenere (ed è questa la tesi che la ricerca intende mettere alla prova) - la base della ragione pubblica di una comunità politica.La ricerca si propone, dunque, e le indagini in tema di ragione pubblica con le indagini contemporanee volte alla costruzione di un’ontologia convenzionalista dei fatti giuridici, e di rispondere, su queste basi, all’interrogativo circa la possibilità o meno di una ragione pubblica. Il metodo della ricerca sarà, necessariamente, l'elaborazione di analisi concettuali, nello stile della filosofia anglosassone contemporanea, integrato da indagini di carattere logico e dalla costruzione di argomenti normativi sostanziali. Il risultato sperato è la costruzione di una teoria soddisfacente del diritto come convenzione, e del ragionamento giuridico come parte integrante della ragione pubblica di una comunità politica pluralista. Ai fini dello svolgimento della ricerca sarà necessaria la partecipazione a convegni e seminari in Italia e all'estero, e l’organizzazione di seminari e incontri di studio.
StatusActive
Effective start/end date1/1/07 → …

Fingerprint

Explore the research topics touched on by this project. These labels are generated based on the underlying awards/grants. Together they form a unique fingerprint.