Atlante del patrimonio storico-architettonico dei complessi manicomiali ai fini della conoscenza, conservazione e riutilizzazione: Sicilia e Sardegna

Project: Research project

Description

La realtà siciliana, a seguito dell'entrata in vigore della Legge N. 180 del 1978, dopo le prime grandi difficoltà iniziali dovute alla mancata prefissazione di strutture alternative, si è in parte modificata a regime soltanto negli ultimi anni. Il riconoscimento della "follia" come patologia psichiatrica è un'acquisizione tanto recente rispetto alla sua storia, quanto è difficoltoso tracciarne l'evoluzione in rapporto alle risposte sociali come "progresso terapeutico". Il sistema manicomiale che si sviluppa in Italia a partire dal periodo post - unitario può essere considerato, sotto questo aspetto, una tappa significativa del processo assistenziale. La costruzione di strutture autonome come esemplificazione della coincidenza fra psichiatria e manicomio, va comunque analizzata partendo dagli intenzionali presupposti scientifici e umanitari che hanno definito il passaggio dalla funzione alla forma. Quando nei primi decenni dell'Ottocento la gestione della follia in Sicilia si istituzionalizza, la riorganizzazione sanitaria aveva interessato l'Europa già nel XVIII secolo.L'Unità di ricerca, composta di docenti di Storia dell'Architettura e di Composizione Architettonica, si occuperà della situazione in Sicilia e in Sardegna nel tempo, nei passaggi che caratterizzano le epoche interessate, con un censimento degli edifici e l'analisi di questi. Inoltre, data la presenza nell'Unità di svariati docenti di Composizione Architettonica, l'Unità porrà come momento importante il progetto di valorizzazione di edifici particolarmente significativi. Infatti, molti ricercatori coinvolti fanno parte, come membri del Collegio dei docenti, come assegnisti di ricerca o come dottorandi, del Dottorato di ricerca in Progettazione Architettonica con sede a Palermo e sedi consorziate Napoli e Reggio Calabria: Dottorato che si è occupato negli ultimi sei anni del tema del restauro del moderno. Su questo tema sono state prodotte una serie consistente di tesi di dottorato, ed altre sono in corso di svolgimento. Sono state prodotte anche pubblicazioni, e sono in corso di pubblicazione gli atti del convegno internazionale "Il restauro del moderno in Italia e in Europa", tenuto a Palermo a giugno del 2007. La composizione del dottorato, così come la composizione di questo gruppo di ricerca, è caratterizzata dall'interdisciplinarietà. I rappresentanti delle due discipline sono accomunati dalla posizione per cui progetto e restauro convergono alla elaborazione dei prodotti del Dottorato, in quanto il restauro è una accezione specifica del progetto architettonico.

Layman's description

La ricerca si articolerà in due anni. Nei primi 6 mesi si svolgerà una analisi istruttoria; nei 12 mesi successivi, l'Unità inserirà nel suo programma un progetto di valorizzazione di uno o più edifici siciliani di valore, in particolare l'Ospedale Psichiatrico di Palermo; gli ultimi 6 mesi saranno destinati alla elaborazione di sintesi dei risultati e alla predisposizione della pubblicazione. L'obiettivo è quello di analizzare tutte le strutture degli ospedali psichiatrici in Sicilia e Sardegna, per pervenire a un Atlante nazionale, attraverso gli apporti degli altri gruppi di ricerca, che copriranno l'intero territorio italiano.Il lavoro è organizzato secondo schede di due tipi, una estesa per i casi di edifici di maggiore importanza, una ridotta per gli altri: le schede comprendono tutte le notizie utili, da quelle urbanistiche a quelle storiche, architettoniche, eccetera.La pubblicazione consisterà di più volumi: uno con saggi di carattere generale, uno comprendente tutte le schede e uno (quasi certamente in formato digitale) che comprenderà tutti i disegni non inseriti nelle schede.

Key findings

Scienze socioeconomiche e umane
StatusFinished
Effective start/end date3/22/103/21/12